Esercizi fisioterapici per mobilizzare il torace

di | Gennaio 8, 2021

La fisioterapia è il più importante programma di riabilitazione in grado di rimuovere o ridurre in modo significativo il dolore fisico e l’infiammazione senza la necessità di farmaci invasivi, farmaci o interventi chirurgici. È un elemento importante delle cure postoperatorie, soprattutto in ortopedia. La fisioterapia è essenziale nella riabilitazione dopo un ictus. È stato anche dimostrato di essere efficace per le persone che soffrono di altri disturbi neurologici come il morbo di Parkinson e malattie degenerative come il diabete e l’osteoartrite. Grazie a una serie di programmi di fitness ed esercizi per rafforzare il nostro equilibrio, postura e movimento, siamo in grado di accelerare il processo di guarigione. Una delle aree importanti della fisioterapia è la terapia del torace, che si rivolge a persone con problemi respiratori e respiratori.

La terapia del torace è una terapia che migliora la respirazione e migliora il funzionamento del nostro sistema respiratorio. Questo per allargare le aree del torace per una respirazione facile e controllata e per rimuovere indirettamente le secrezioni dai polmoni che impediscono il processo di respirazione. Le persone che soffrono di problemi respiratori, broncopneumopatia cronica ostruttiva, polmonite, ecc. Possono beneficiare di questa forma di terapia. fisioterapia toracica.

Gli esercizi per la mobilità del torace, come elemento importante della fisioterapia del torace, sono esercizi che utilizzano i momenti attivi del busto e degli arti nella respirazione profonda. Questo per migliorare la mobilità delle braccia e del busto del torace per facilitare la respirazione libera. In alcuni casi è stato riscontrato che una persona con un tronco stretto o rigido su un lato del corpo non è in grado di espandere in modo ottimale quell’area del torace durante la respirazione. Gli esercizi di fisioterapia del torace che allungano questi muscoli con la respirazione profonda possono migliorare il flusso d’aria, portando a una migliore ventilazione di questa parte del torace.

In questo caso, il fisioterapista deve rafforzarsi con un’espirazione controllata. Un modo per farlo è portare il paziente in avanti nell’area dell’anca o piegare la colonna vertebrale mentre espiri (espiri). Questo movimento preme efficacemente le viscere nel diaframma, rendendo più facile l’espirazione.

Ecco gli esercizi di fisioterapia per il torace:

1. Per mobilitare la parte superiore del torace e allungare i muscoli del torace: far sedere il paziente su una sedia con le mani intrecciate dietro la testa; Lascia che le braccia si estendano orizzontalmente in modo che i muscoli pettorali siano allungati e chiedi alla persona di inspirare profondamente.

2. Per mobilizzare la parte superiore del torace e le braccia: mentre inspiri, mentre il paziente è seduto su una sedia, estendi entrambe le braccia sopra la testa a 180 gradi su entrambi i lati. Quindi lascia che la persona si pieghi in avanti sui fianchi e cerchi di toccare il pavimento mentre espira.

3. Per mobilizzare un lato del torace: mentre il paziente è seduto su una sedia, chiedere al paziente di piegarsi all’indietro dal lato teso per alleviare la rigidità e per espandere quest’area del torace durante l’inalazione. Chiedere al paziente di spingere il pugno contro il lato del torace appoggiandosi su un lato stretto ed espirando. Chiedere al paziente di alzare la mano vicino al lato destro del torace sopra la sua testa e chiedergli di piegarsi all’indietro dal lato teso. Questo allungherà i tessuti rigidi del torace e permetterà a quest’area di espandersi meglio.

4. Per aumentare l’espirazione o espirare attraverso la respirazione profonda: Chiedere al paziente di piegare leggermente le anche e le ginocchia e inspirare. Quindi fagli tirare entrambe le ginocchia verso la zona del torace, una per una, mentre espiri. Questo spinge la zona addominale verso il diaframma e provoca una migliore espirazione.

Oltre ai pazienti che soffrono di problemi respiratori, anche le persone con problemi neuromuscolari come la sindrome di Guillain-Barré, la fibrosi cistica e la miastenia grave (debolezza muscolare progressiva) possono mostrare risultati positivi dalla terapia fisica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *